Menu
ITA ENG
il museo della musica
Venezia
Il compositore Giovanni Mancuso ospite della rassegna "Il Salotto Improvvisato" al Londra Palace giovedì 6 aprile
"Il Salotto Improvvisato" dell'Hotel Londra Palace è pronto ad accogliere giovedì alle 19 l'unico artista veneziano di questa edizione. Si tratta del musicista e compositore Giovanni Mancuso, amato nella sua città, reduce del grande successo dell'opera "Il Ritorno dei Chironomadi", in scena l'anno scorso al Teatro La Fenice. Ma conosciuto e apprezzato, con i suoi numerosi progetti, in Europa e non solo: tra i tanti riconoscimenti, Biennale dei Giovani Artisti dell'Europa Mediterranea (Lisbona 1994), Grieg Memorial Competition (Oslo 1995), Rockefeller Foundation (New York 2003), European Association for Jewish Culture (Londra-Parigi) 2003 Grant Award. Come vuole il format della rassegna "Il Salotto Improvvisato", Giovanni Mancuso risponderà alle domande e curiosità del pubblico e del moderatore, il musicologo Veniero Rizzardi, curatore della rassegna assieme ad Enrico Bettinello. Inoltre, porterà un inedito assoluto. Anche lui, infatti, ha accettato la sfida lanciata dall'Hotel: esibendosi nel luogo in cui Tchaicovsky ha tratto ispirazione per comporre la sua Quarta Sinfonia, gli è stato chiesto di prendere spunto da una qualsiasi opera del compositore russo. 

Ingresso gratuito su prenotazione (press@londrapalace.com o telefonare al 3496393917)
Torna all'archivio
il museo della musica
chiesa san maurizio
Alla famiglia Candian (detta Sanudo) viene dato il merito della costruzione della Chiesa di San Maurizio e Lazzaro. In origine la facciata era rivolta al rio del... vai
La collezione antonio vivaldi
Chiesa San Giacomo di Rialto
Secondo tradizione la chiesa di San Giacomo, popolarmente conosciuta come San Giacometo, sarebbe stata costruita nel 421 dal carpentiere... vai
I Concerti Interpreti Veneziani Chiesa San Vidal
Acquista il tuo biglietto
scarica la mappa
  • Le fotografie degli strumenti del Museo della Musica sono di Claudio Mazzolari
  • La fotografia dell'interno della Chiesa di San Maurizio è di Fabio Vivalda